Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

Posts Tagged ‘LietoColle

editori di poesia su “La lettura”: uno screening

with 2 comments

Da tempo sono un affezionato lettore de La lettura, ossia del supplemento culturale domenicale del Corriere. Tra i vari argomenti interessanti, la poesia gode quasi tutte le settimane di una pagina dedicata. La popolano recensioni lunghe, a volte addirittura con una valutazione a punti  – (da 1 a 5) per stile/ispirazione/copertina – e note brevi in dieci righe, principalmente nella rubrica “Soglie” a firma Franco Manzoni.
Per una sessantina di uscite, quindi per più di un anno, ho annotato domenica dopo domenica gli editori dei volumi presi in considerazione, segnando un punto per le recensioni piene, mezzo punto per le dieci righe.
Ne è uscita una classifica di cui vi sottopongo le prime posizioni e che è foriera di considerazioni interessanti.
Per prima cosa: perché mi sono mosso a quest’osservazione? Principalmente perché, se non sbaglio, il supplemento (o il sito) non indica canali (email etc.) di invio diretto dai lettori (/poeti/poetastri) alla redazione. Confesso che avrei inviato volentieri in redazione le mie cozze: sarò bollito ma non ho trovato un canale di comunicazione, a differenza di altri supplementi e riviste mensili che hanno i loro indirizzi ben in vista e quindi sono “infiltrabili” da singoli autori che vogliano tentare la sorte.
Da questo ho dedotto (in via ipotetica e approssimativa, ripeto) che le opere in valutazione non vengano inviate dal singolo autore bensì dagli editori, attraverso canali istituzionali, per così dire.
Quindi la classifica assume ai miei occhi un indice (ripeto non assoluto) di motilità editorialedi propensione dell’editore alla promozione del proprio prodotto. A darsi da fare e a non considerare il suo compito chiuso con la pubblicazione (come troppi).

Importante precisare che questo fattore è disaggregato rispetto ad altri elementi di valutazione, per esempio la gratuità: se per esempio Lietocolle e Marco Saya sono editori che (siano laudati!) non chiedono nessuna forma di contributo all’autore, mi risulta che non si possa dire lo stesso di altri nomi in classifica. Da notare il caso di LVF che chiede espressamente un contributo bookware in fase valutativa (più in là non so).
Quindi questa motilità (ormai la abbiamo chiamata così) non va valutata da sola ma in combinato con altri elementi: la gratuità, i canali della distribuzione etc.

Detto ciò, a voi le prime posizioni.

lalettura
Interessante vedere come, nella top 12 qui sopra, un editore medio come Interlinea sia presente come e più di due big come Einaudi e Mondadori. Ottimi risultati anche per Aragno, Effigie, e Pequod (che in tutti e tre i casi è comparsa con marchio Pequod e mai della consorella Italic, quella dei miei mitili).

Continuerò a stilare i punteggi anche per il 2017 in un foglio Gdrive; chi volesse monitorarlo in lettura mi faccia sapere e lo aggiungo in condivisione.

[PS: il passo successivo verso la Buddhità è comprendere come tutto questo sbattimento per una recensione con un’emivita di qualche ora o giorno sia māyā]

Written by Roberto R. Corsi

7 gennaio, 2017 at 18:25

Apparizioni (talora appropriazioni) del Mito: Roberto Mosi.

leave a comment »

Mosi - Luoghi del MitoHo letto la nuovissima raccolta del fiorentino Roberto Mosi, Luoghi del Mito (LietoColle), con l’interesse che sempre in me scaturisce non appena fiuto un incrocio “pericoloso” tra poesia e “cultura”. Di pericolo in effetti si tratta, quantomeno per le fortune del poeta che dev’essere disposto ad affrontare una schiera di lettori e critici fortemente avversi a questa commistione. «È strano che si voglia fare lirica dotta», mi fu un giorno obiettato per lettera; qui invece leggiamo, nella chiusa della poesia a pag. 32, un eloquente “Si tratta di vera poesia?”, dove il virgolettato dà conto di un qualche effettivo incontro-scontro nei lidi informatici.

A nulla vale eccepire l’indeterminatezza degli aggettivi che ho evidenziato in corsivo, essendo oggi la poesia non definibile se non secondo canoni personali. A poco vale perfino citare voci altissime quali (tra le altre) Kavafis, Caproni o, per restare in riva d’Arno, il possente lavoro mitologico-poetico-teatrale di Liliana Ugolini: sembra quasi che l’iniezione del Mito (che a questo riguardo è una species del genus cultura) nell’ovocita poetico realizzi una dissonanza o addirittura un’atonalità che come brezza di terra spinge sùbito lontano il lettore, il quale forse mai come in questo periodo ha avuto poca o punta voglia di mettersi alla prova con strutture ultronee rispetto al suo bagaglio.
Mosi non rinuncia alla sfida, evidenziando in premessa le sue ragioni profonde: tracciare un altro lato del suo poligono in fieri (parte del quale si può leggere in forma elettronica sul sito larecherche.it) tra luoghi e nonluoghi (secondo la nota definizione di Marc Augé).

La lettura di queste poesie, comparata con le precedenti raccolte, ci testimonia anzitutto una continuità di stile: un verso volutamente spoglio e descrittivo, “di veduta” (non a caso Mosi è anche apprezzato fotografo), nel quale l’io del poeta emerge il meno possibile lasciando campo libero al circostante.
Leggi il seguito di questo post »

Written by Roberto R. Corsi

9 settembre, 2010 at 09:39

Pubblicato su autori, critica, poesia

Tagged with ,

levia-gravia

leave a comment »

Due buone notizie giunte nel weekend: le riporto in ordine di apparizione.

Nell’antologia Taggo e ritraggo di LietoColle, in uscita per aprile, comparirà tra le liriche anche un mio divertissement che, inaspettatamente per il sottoscritto, è stato scelto dai curatori che cito ringraziandoli: Mary B. Tolusso, Anna Toscano e Gianpaolo G. Mastropasqua.
Chi è iscritto a Facebook può già vedere il mio testo a questo indirizzo (in caso sia necessario chiedermi l’amicizia, bussate e vi sarà aperto).

Dal primo giugno invece sarà disponibile (cfr. qui) il mio terzo (secondo in ordine di scrittura) libro di poesie, dal titolo All’orza (poesie 2005-2007). Come la precedente Divagazione, esso sarà edito in forma di ebook, ma questa volta pubblicato col marchio LaRecherche.it, realtà di cui vi ho già parlato qualche post fa e che ora ha una vetrina ad hoc per i libri elettronici.

Dunque stay connected, come suolsi dire.

Written by Roberto R. Corsi

21 febbraio, 2010 at 19:27

piccolo florilegio

leave a comment »

È online la pagina dedicata al Poetico Diario 2010 di cui abbiamo già parlato. Col consenso dell’Editore ho potuto inserire un trittico di poesie che ho gradito alquanto (Autori: Amadei, Leoni, Clarà) nonché, in calce, il mio apporto. Questo il link diretto. Buona lettura!

Written by Roberto R. Corsi

21 ottobre, 2009 at 14:47

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: