Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 13 anni

Archive for the ‘community’ Category

riparazione epub

leave a comment »

comunicazione di servizio: mi sono accorto solo stasera che negli ultimi giorni ci sono stati problemi di accesso ai miei ebook in formato epub. Ho cambiato server e ora tutto fila come prima: i formati sono di nuovo accessibili mediante i consueti link nelle pagine indicate qui sotto. Le correzioni hanno riguardato:

L’oracolo della pizza
L’autoantologia 2004-2011
Il saggio su Alberta Bigagli
La scelta di poesie di Gabriella Maleti (su Perìgeion)

Mi scuso per l’inconveniente. Segnalatemi, casomai, ulteriori problemi. Buona ritrovata lettura.

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

10 aprile, 2018 at 22:42

Pubblicato su community, ebook, free, magagne, poesia, siti, varie

Perìgeion: riassunto delle puntate precedenti… e successive. Compreso lieto evento. Appendice: tutorial sui concorsi.

leave a comment »

Mi sono accorto che in questo 2018 non ho qui accompagnato con la solita “spalla” le uscite, a cadenza più o meno mensile, delle mie note di lettura sul portale di poesia che a voi dovrebbe essere ormai familiare. Rimedio asciuttamente: a gennaio mi sono occupato di Paolo POLVANI,  a febbraio di Marco CIPOLLINI; a marzo ho con piacere dato spazio a Francesco TONTOLI, ad aprile ho proposto due poesie di Annamaria FERRAMOSCA e, proprio oggi, una raccolta suggestiva di Giancarlo BARONI. Già che ci siamo: è già pronta, per il 10 maggio salvi imprevisti, una scelta di poesie dall’ultimo libro di Fabrizio CAVALLARO. Altre poete e poeti ci faranno compagnia da qui alle vacanze.
Come leggerli? Potete in ogni momento controllare i miei contributi tramite questo link (sta anche nella colonna di destra del presente blog).
E, mi raccomando, non tralasciate di soffermarvi sugli articoli dei miei conredattori che in una buona percentuale, direi nel 109% dei casi, sono assai migliori dei miei.

Ma la notiziona è di ieri e la apprendo tramite l’Editore Fabrizio Bianchi (dot.com press): Edifici pericolanti, la raccolta di Massimiliano DAMAGGIO, è stata segnalata d’impulso di un membro Giuria del “Pagliarani” ed è in corsa dunque per il prestigioso premio!
Un meritato riconoscimento per un poeta di coraggio e talento (cofondatore di Perìgeion e ora suo “nume tutelare intermittente”); evento doppiamente piacevole in quanto il soggetto è alquanto appartato e incostante, kome noi fècchi poeti ti una fòlta! smile! Brava la giuria a scovarlo. Molti altri, oltre me, fanno apertamente il tifo per lui. Il volume, consigliatissimo, è ordinabile contattando l’editore a questi recapiti. Per assaggi, ottima la recensione e la scelta di poesie a cura di Antonio Devicienti su Carteggi Letterari.
Dàje Max!

Di straforo: anche io in questi giorni mi sono occupato di premi (rectius: concorsi). Qualche riflessione in forma di guida. Niente che i miei aficionados non sappiano già, però – “forte” dei miei ondeggiamenti ed errori – ho buttato giù il mio tutorial in materia, che in effetti ha molto di demotivazionale. L’ho parcheggiato anche stavolta su Medium, acquario bizzarro e poco compatibile con le poetiche cose, però dotato di alcune funzionalità che possono tornarmi utili… Lo stile “ammaregàno” è condizionato dal predetto acquario.
Leggi qui: Tutorial – Concorsi di poesia.

ebook gratis: L’oracolo della pizza (poesie 2015-2017)

with 2 comments

ODP-BASE_html_a90a544df359892a

(img di frontespizio)

L’oracolo della pizza è la sezione centrale di una raccolta più grande dal titolo Grafite bianca, le cui poesie spaziano dal gennaio 2015 all’agosto 2017. Alcune bozze (incomplete) sono circolate e hanno ricevuto attenzione in rete, con scelta di poesie, su Imperfetta Ellisse e Carteggi Letterari: ringrazio Giacomo Cerrai, Giulio Maffii e anche Andrea Cati per il loro apprezzamento. Il resto è quasi tutto inedito.

Il titolo deriva dall’esortazione, rivoltami quasi cinque anni fa da un noto poeta, a “tornare (?) a fare le pizze”. Mi ero permesso di criticare sul mio blog – penso educatamente – il semplicismo delle sue poesie, edite da una major. Alcuni anni dopo, mentre lui bissa l’uscita con lo stesso megaeditore, io invece perdo ispirazione e altrui attenzione: l’invito di allora assume dunque un valore oracolare. Gli antichi greci avevano la Pizia, qui invece siamo low budget e recepiamo l’esortazione dal lato cartaio (la Pita è l’asso di denari nelle carte piacentine) e consumatore di pizza ovviamente.

(…) Completa la raccolta un pugno di poesie dalla prima e terza sezione.

[dalle Note]

***

Scarica gratuitamente L’oracolo della pizza:
formato ePUB: clicca qui (odpizza.epub)
formato Kindle: clicca qui (odpizza.azw3)
formato PDF (rispetta l’ambiente: non stampare, se puoi): clicca qui

© Roberto R. Corsi. Opera protetta con marcatura temporale.
Il contenuto è redistribuibile sulla base della licenza CC BY-NC-ND 4.0 : condividi senza modificare, con finalità non commerciale e attribuendomi correttamente ed espressamente la paternità (anche un link a questo post o sito è gradito).

 

Written by Roberto R. Corsi

25 marzo, 2018 at 10:13

ritiro / retiro

leave a comment »

Una notizia. L’altro ieri ho appreso di aver ricevuta, con altri colleghi, menzione speciale al concorso Siamo fatti per l’infinito indetto da Accademia Mondiale della Poesia e farcito di presenze illustri in Giuria e non solo. La frivola instanuga responsabile del tutto è “la gialla” che giocava col titolo del concorso e con una constatazione, quella dello stato comatoso del congiuntivo, che – proprio lo stesso giorno! – proveniva da un’altra Accademia, quella della Crusca.
Ringrazio tutti e mi onoro del conseguimento; mi spiace non poter essere a Verona con voi domani per ritirare il premio, inchiodato come sono da un periodo di logistica assai difficile.

Una segnalazione. Il burnout guru Antonio Dini (grazie) mi ha fatto conoscere una app carina per dispositivi con la mela.
Si chiama Poetreat e potete scaricarla gratuitamente dal Vostro AppIe Store o da qui.
Già il titolo è stuzzicante: treat (words) like a poet does? Oppure una fusione di poet e retreat, forse (speriamo) non nel senso di incoraggiare alla ritirata bensì di buen retiro?
L’applicazione, che funziona solo con la sillabazione e la rima inglese (quindi dovrete sbizzarrirvi ininglisc), fa due cose semplici: per prima cosa mentre scrivete fa il conto delle sillabe dei vostri versi; poi, sotto copertura internet, vi suggerisce la rima, sulla base dello schema che in precedenza avrete settato tramite dei tondini colorati.
Niente che abbia la pretesa di generare automaticamente poesia (tra i tanti, questo che ho appena scoperto è abbastanza carino), ma piuttosto un tool utile per i parolieri o per divertirsi con un po’ di nonsense (vedi sotto: vi assicuro che non inghiotto rondini o cucino cuccioli di sorta!).
Da provare. Alcuni riportano malfunzionamenti, col mio ipad mini obsoleto va a dovere.

poetreat

Written by Roberto R. Corsi

23 marzo, 2018 at 12:20

giornata della poesia 2018: reading list

leave a comment »

Detto che per gran parte confermo quanto scrissi a San Serapione anni fa; detto altresì che tutte le mie celebrazioni consisteranno nell’andare, tra poco, a comprarmi le ottime lasagne sfornate da una gastronomia qui vicino; nondimeno mi sembra giusto lasciarvi una reading list poetica, nel mio piccolo. Eccola!

 

– La più bella raccolta uscita in cartaceo nel 2017/2018 che io abbia letto finora è sicuramente I quaderni del vino di Lorenzo Bastida. Qui la recensione;

– Alcune belle poesie “singole” che ho letto qua e là in questo giro di terra: Complanare di Paolo Polvani (la trovate qui dentro), poi, in ordine sparso, Alessandro Burbank, Viola Amarelli, Paolo Coceancig (tutte annotate sul mio taccuino);

– “Ho fatto scouting” con Francesco Tontoli e le sue Marzoline: ne trovate su Perìgeion una scelta che, salvo imprevisti, dovrei aver rilanciato proprio poche ore fa;

– Infine, con la consueta puntina di studium laudis, vi segnalo una mia traduzione di una poesia inedita della grande poetessa Alicia Ostriker. La poesia fa parte di una cinquina uscita su The Sigh Press, un trimestrale in lingua inglese edito in Oltrarno. Avrei messo anche il testo a fronte, ma i termini di © del periodico sono rigorosi, quindi dovete fare il raffronto “manualmente”.

 

Buona lettura!

 

#instanughe

leave a comment »

Tanto per non farci mancare nulla.
Un po’ per celia, un po’ per non morire (?) poeticamente.
Giusto per stare al passo coi tempi (in differita).
Ho lanciato un nuovo instagram hashtag, #instanughe, improntato alla nuga cioè alla bazzecola, alla chiacchiera, alla baia.  Siate benvenuti se vorrete proporne di vostre (io ne inserirò a intervalli irregolari).
Però restate scherzosi e leggeri (non senza ironia o sarcasmo).

#instanughe (dal latino nuga nugae). Lancio questo hashtag come esperimento di #instapoetry, tanto per stare sulle tendenze e anche perché la mia #poesia un se la fila più nimo da verun lato (licenza versiliese). Se volete mettervi in scia, benvenuti: la nuga è una baia e un divertimento, mi raccomando: richiede levità e scherzo anche se può nascondere sagacia e, meglio ancora, ironia. Anche per stemperare le ubique #emozione #bellezza (e relativa #orchite) in rete. PS è una storia (quasi) vera! #instapoesia #instaRRC

Written by Roberto R. Corsi

31 gennaio, 2018 at 14:32

Cinque risposte per L’Area di Broca

leave a comment »

Il prossimo numero de L’Area di Broca, prestigioso Semestrale di letteratura e conoscenza diretto da Mariella Bettarini, di cui vedete a lato l’ultima copertina, si sta delineando come questionario sulla / termometro della poesia, su cosa resti della sua funzione, su dove stia andando.
Ho dato di getto il mio personale contributo, spero sensato; lo potete leggere a questo link. Ringrazio di cuore la redazione tutta.

Mi “automonetizzo” (money quote), cioè pubblico un estratto:

l’esordiente si forma in primis come lettore, o almeno si spera, e qui vengono le dolenti note: presso il lettore sembra aver fortuna solo una poesia “vivente” anche talentuosa, ma sempre di impianto molto consolatorio; basata su un ubiquo e anestetizzato richiamo alla “Bellezza” e su una spiritualità quasi new age o religiosità spicciola; poesia spesso aforistica, salottiera, precettistica, a volte cabarettistica ma senza il tragico di fondo. Amo dire provocatoriamente che l’idea diffusa di “poesia” va a sovrapporsi pericolosamente con quella di “biscotto della fortuna”. Gli editori, anziché rieducare alla messa in discussione delle certezze individuali che ogni buon libro dovrebbe favorire (cfr. Kafka, Cioran), santificano la finta innocenza del lettore-consumatore in nome delle aspettative di ricavo, in definitiva ammannendo al lettore solo ciò che vuole sentirsi dire. Parallelamente, c’è il sospetto che molte scelte editoriali siano ormai operate sul numero di contatti e like che il poeta ha sui social, più che sulla qualità della proposta. In pratica, su quanto il poeta può vendere. È il mercato, baby: via con altri biscotti della fortuna! Non succede solo in Italia ma anche oltreoceano.

Il dibattito è aperto (Acciai Baggiani, Pettinari… anche i vostri contributi verranno letti e magari ospitati, su carta o in rete).

Written by Roberto R. Corsi

15 gennaio, 2018 at 23:06

#Poesia30 – qualche statistica

leave a comment »

Già lo sapete: questo mese compie 30 anni la rivista Poesia di Crocetti. Mutuando dal gergo farmaceutico, un vero presidio medico per appassionati e addetti ai lavori che ogni mese, per undici uscite l’anno, possono confrontarsi con voci importantissime della poesia di ogni tempo e col lavoro di traduttori, recensori, critici.
Neppure io ho mancato l’appuntamento, come già per il numero celebrativo del ventennale, e ho acquistato proprio ieri l’azzurro numero 333, che offre un’ampia scelta di poesie dei poeti da copertina (con qualche variazione), cioè dei protagonisti dal 1988 a oggi.

Si è evidenziato da più parti il fatto che la rivista sia difficile da reperire, e confermo. A Firenze ho trovato una sola edicola in centro storico che la tiene, e proprio per questo non divulgo la sua location. Le altre che ho interpellato hanno desistito, data la richiesta zero; una edicolante, tempo fa, mi ha detto che avrebbe parlato col distributore perché le fornisse una copia in più per me, in quanto l’unica copia che le arriva l’ha prenotata un professore anziano. Questo lo scenario del mio quartiere, che può essere emblematico o meno, fate voi. Va anche aggiunto che questi problemi di reperibilità potevano essere in parte sorpassati mediante la app, che dovrebbe permettere di acquistare e leggere le uscite comodamente su iPad; ma l’applicazione sembra ferma alla v. 1.1. del 2011 e, almeno sul mio tablet, non ci sono più numeri acquistabili dopo il 300 (gennaio 2015)…

Ciò confermato, oggi mi preme di più soffermarmi con voi su qualche dato statistico.
L’uscita 333 dedica 206 pagine ad altrettanti numeri scelti. Per ciascun numero viene proposta una selezione di poesia dell’Autore del mese (normalmente quello in copertina), da solo o accompagnato da altri poeti presenti nel numero. Se non ho contato male, si raccolgono così 254 Autori, che quindi formano una più che rappresentativa idea della “linea” redazionale del mensile di poesia “più letto in Europa” (come precisa l’introduzione a questo numero; chissà che risultati ulteriormente eclatanti se fosse più reperibile).
In breve: la compilazione testimonia una linea redazionale autorevole, che si può condividere o meno, ma con cui si deve necessariamente fare i conti e che può dare la sponda a qualche riflessione.
Così questa domenica ho provato a redigere una statistica di quanti poeti defunti e quanti viventi si trovassero antologizzati nel numero del trentennale, e l’età di questi ultimi (arrotondata al millesimo). Con l’importante avvertenza che per ogni poeta ho calcolato non la data odierna, ma quella del primo fascicolo in cui compare. Per fare un esempio: il compianto Pierluigi Cappello va collocato tra i viventi perché è comparso su un numero del 2006, e per lo stesso motivo, ai fini delle mie statistiche, ha 39 anni (1967 >>> 2006).
Ecco i risultati che per far prima “catturo” dal foglio LibreOffice.

Salta subito all’occhio che il rapporto tra Poeti viventi e Poeti defunti (preferisco parlare di “Numi tutelari” sulla scia dell’aria di Spontini) è quasi paritario: 44% a 56%. Comunque, molto più bilanciato di quanto uno possa pensare, per esempio, improvvisando un sondaggio o scorrendo un hashtag in cui gli utenti social citino un nome o un verso che venga loro in mente. In questi casi, i Numi tutelari spadroneggiano ai danni dei vivi. Questa sostanziale parità quindi conforta, ma ingenera anche un sospetto di esoterismo e l’urgenza di comunicare anche al pubblico diffuso che la poesia è ben viva. Evidentemente una rivista non è sufficiente, lo sforzo andrebbe compiuto da tutti i media, come ripeto spesso.

Interessante soffermarsi anche sulle fasce di età dei consacrati da vivi.
Come le ho ottenute? Semplicemente facendo la media di età di ogni sottoinsieme. La media di età di tutti i viventi è di 68 anni e mezzo; tolti gli autori da 69 in su, restano 50 “under 69” la cui età media è poco più di 56 anni; tolti anche gli “over 57” rimangono 20 “under 57” di quasi quarantott’anni di media. Si ricavano così 4 fasce: over 68, poi due fasce tra 48 e 68 forse accorpabili, infine un drappello, “i magnifici sette”, attenzionato dalla rivista prima della loro quarantottesima primavera.

Viene da rispolverare la famosa tripartizione longanesiana, epurandola della ingiuriosa qualifica di mezzo (e in generale denaturandola del suo intento satirico).
Se dai 68 anni in su si è a pieno titolo Venerati Maestri, all’opposto verrebbe da concludere che, prima dei 48 anni, solo in 7 casi su 112 si è qualcosa di più di Giovani Promesse, vale a dire ipotesi di poeti. 
Questo getta qualche ombra sulla conclamata e pandemica tendenza del pianeta poesia a portare avanti la cd. poesia giovane: concorsi, collane, quaderni, atlanti e mappature “under 30/35/40” vanno bene ma non benissimo. Datemi pure della volpe che non è giunta all’uva, però io le ho sempre capite poco. Esse da un lato rischiano di ostracizzare autori validi solo per la “colpa” di costoro di giungere alla propria pienezza espressiva in un momento posteriore, e alla lunga di demotivarli; dall’altro lato sono in molti casi una fotografia statica di una poesia che necessita ancora di self-assessment e evoluzione: un parto prematuro, come la piattezza dell’offerta in serie sembra troppe volte dimostrare. Lucifero per non aspettar lume, cadde acerbo (Par. XIX): ho perso il conto di quanti giovani “segnatevi questo nome” sono spariti solo tre anni dopo.
La linea redazionale di Poesia sembra darmi ragione, esortando implicitamente tutte le parti in causa del sistema a un tempo medio-lungo di valutazione e maturazione.

Naturalmente quanto sopra è una mia esegesi opinabile. Genius is wisdom and youth, e anche la poesia altrui, come la mia, va in “pausa ormonale” (ne riparleremo). Però, ripeto, è difficile non tenerne conto, vista l’autorità della fonte; alle congratulazioni per i 30 anni della quale mi accodo, invitando a leggere il mensile e a regalarlo.

 

Written by Roberto R. Corsi

15 gennaio, 2018 at 08:00

Pistolotto dello zio Bob (auguri 2018)

with 3 comments

img2018

Giovani e meno giovani,
Non lavorate gratis,
… … …
… … …
… … …
Un codice autore ISBN costa euro 80 più IVA.
… … …
Leggete più ebook, esercitatevi tanto con l’epub: … … …
Critici, dagli autori fatevi dare la bozza digitale e non la copia gratis,
… … …
… … …
Portate sempre con voi un taccuino: ruit hora, memoria fugit.
Ritrovate il gusto di scrivere a penna: la tastiera rende disgrafici.
Ritrovate il gusto di dirmi che il mio libro non vi piace, però con garbo e argomentazione.
Fidatevi di me: non prendetevi troppo sul serio,
anche se vi sembra che fare gli imbronciati ripaghi.
In generale svegliatevi presto, ascoltate sinfonie e risacca,
coltivate il silenzio, fate più bagni in mare, fate più spesso l’amore.
E che il 2018 porti a tutti serenità, operosità, solidarietà e ispirazione.

l’ispirazione per il titolo mi è venuta da un commento fb a opera di N. M. Albertini su altrui bacheca.
gli omissis sono un regalo della famiglia Corsi, soprannominata “ti querelano!”.

Written by Roberto R. Corsi

31 dicembre, 2017 at 13:10

Quadrofenìa dello scrittore: L’era dell’autopromozione permanente secondo Andrea Inglese.

with one comment

Rembrandt, Boas und Ruth, 1637-40. Berlin, Kupferstichkabinett der Staatlichen Museen (wikimedia, pubblico dominio)

Raramente, di fronte a un approfondimento che mi piace, scelgo queste pagine come mezzo d’inoltro: forse anche per pigrizia, lo ribatto semplicemente sui social più sensibili alla materia (es. per la poesia, fb e g+; meno tw e in) e attendo eventuali vostri commenti. Oggi invece coinvolgo persino questo libro giornale di fronte a un’analisi, quella di Andrea Inglese, di rara completezza ed efficacia. Il pezzo è uscito ieri su Nazione Indiana e fa parte di un dossier a più mani presente sul numero 68 di Nuova prosa.
Inglese, poeta saggista e traduttore, mi trova spesso d’accordo sulle sue prospettazioni (per esempio qui, per un certo periodo; poi, alas, la mia svolta cozzara).
Non tutte le tematiche sono ovviamente nuove, ma quello che mi colpisce è come l’Autore abbia saputo condensare in pochi periodi tutta la felice insensatezza del lavoro (spesso non retribuito) di scrittore e, naturalmente e con insensatezza ancora maggiore, del poeta. Con risvolti psicologici e verosimilmente psichiatrici dati dal diffuso senso di colpa e dalla “tripolarità” per cui la scrittura e la ricerca sono compresse anzitutto dal “lavoro vero” (ossia quello qui dat panem) e poi dall’autopromozionalità 24/7, sorta di bufera infernal che mai non resta e che – attraverso il coinvolgimento attivo e passivo – fornisce quell’endorfina, quell’illusione di who’s who con l’effetto psicotropo di alterare la percezione corretta delle grandezze in gioco e renderci perseveranti (oltre che di farci sentire vivi in un’epoca di grande incomunicabilità ed emarginazione, ciò che forse è il carburante più puro della gran ruota).

Leggi il seguito di questo post »

Written by Roberto R. Corsi

5 dicembre, 2017 at 18:57

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: