Rivelliana per Gabriele

Foto di Lisa Johnson da Pixabay

Quando muore un poeta
bisognerebbe stare fermi, seduti, invece
rombano i soffiatori, nonne Pavlov
illudono i nipoti promettendo
leccornie, c’è un comizio di utili
idioti in tv, mia madre si lamenta
per un formaggio pagato cinque euro
e ottantuno, forse una feta.
Riviello scrisse: “non è morto nessuno,
è morto un poeta”.

Quando muore un poeta, sparge luminol
sulla curva di sangue e indifferenza che tracciamo ogni giorno
alle diciotto e trenta, cioè sul nostro essere
ben più morti di lui, completamente soli
in sciami o in tane, solo distratti, intenti
in un simpatico esser qualcuno.
Riviello scrisse: “quando muore un poeta
non muore nessuno”.

__
(per Gabriele Galloni, 1995-2020)
la quartina di Vito Riviello, dedicata a Emilio Villa nel 2004, si trova nell’opera omnia e all’interno di questa mia recensione/selezione di testi del medesimo.

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.