Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

Omaggio a Houellebecq

with one comment

Quando esco presto per camminare mi surclassano vecchi allenatissimi.
M’incrociano di corsa proprio davanti al ristorante dove ne ho visti tanti a cena con l’escort.
Li immagino muovere il pube sopra quelle perfezioni anatomiche d’oltrecortina,
Immagino tricipiti, dorsali e lombari in missionaria tensione, come quelli di un dogo sul punto di attaccare:
Con le loro ripetute sul lungomare e i loro fitness program restano sempre dei vecchi.
Andare a camminare presto non mi renderà più giovane, non sanerà le morti, le dismetrie, gli errori.

L’edicolante fa già il conto alla rovescia: quattordici anni alla pensione.
Beato lui che almeno ne avrà una, penso, ed ecco che di colpo la vecchiaia
Si reidrata e diventa una nuvola rosa che inghiotte il passo sciancato, l’apnea, il nulla dell’oggi.
Ammalarsi e morire, svanire come un peto, diventa una nuvola rosa, un miraggio, un’odalisca.

Dentro il giornale, un tassista ivoriano odia la letteratura perché premiano solo uomini bianchi.
Fuori dal giornale, la povertà preme alle porte e affila i coltelli.
I comunisti di ieri rinforzano i muri di cinta, che con sollievo del mio pomeriggio sportivo sembrano per ora tenere.
Tutto il nostro eros, ore di lettura al tramonto come gambe lisce da carezzare,
Tutta la nostra poesia è fondata sul privilegio.

(inedito, 17.09.17)

Houellebecq

By Fronteiras do Pensamento [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)%5D, via Wikimedia Commons

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

19 settembre, 2017 a 23:08

Pubblicato su inediti, novità, poesia

Tagged with

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Aldilà della cosa, vera o no, che la nostra letteratura sia fondata sul privilegio, mi piacerebbe pensare che sia fondata solo sulle parole. Se una volta per tutte la finissimo con i premii letterarii e scemenze annesse forse l’ivoriano non avrebbe motivo di lamentarsi. Ma credo che il punto sia un altro: siamo troppo occupati a vivere serenamente perché la poesia possa sopravvivere. Ciao, Robertinho.

    Liked by 1 persona

    Massimiliano

    23 settembre, 2017 at 08:41


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: