Dieci buoni motivi per pubblicare da sé il proprio libro piuttosto che affidarlo a un editore a pagamento

non sempre mi riesce di razzolare di conseguenza, però sono d’accordo con Giulio Mozzi e trovo questa sua riflessione esauriente. (non la trovi? clicca su “view original” sotto GGessica)

vibrisse, bollettino

Un'aspirante scrittrice, colta nel momento in cui decide di lasciar perdere gli editori a pagamento e di pubblicarsi da sé Un’aspirante scrittrice, colta nel momento in cui decide di lasciar perdere gli editori a pagamento e di pubblicarsi da sé

View original post 507 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.