Antidoto al filtro amoroso e forse anche alla psicoterapia

Intramandato, il carme più riuscito
è questa bionda che binaria canta
affondando le lame antelucane
dei suoi fianchi nel corpo di cummènda
molle, non più ruggente

prendendo il suo piacere come specie
vorace, assente.
Poi m’attende sversàto il capo a destra
(“quando viene ‘sto stronzo?
dannati psicofarmaci!
farò tardi in ufficio”)
espandendo frattanto
l’algoritmo violetto
(ricci, di mare e pubici; ricciòle),
la firma digitata del suo afrore.

Mi accompagna tuttora
nello sciogliersi in afa del mattino,
alla faccia del mondo coi suoi ban
e col suo vatican,
alla faccia dell’ansie, già fanno capolino
oltre l’orgasmo e la sua ricaduta
in isotopi, in breve appagamento:
“domani è un altro porno o un altro scorno?”.

Ma oppongo alle giornate e alle cordate
di padroni lo scudo non crociato
dei suoi fluidi incrociati
con i miei, mezzo secondo intero
grattato con le unghie all’onda d’urto
del riposante nulla che ci attende.

[inedito, tributo a Luca Canali]

lucrezio
busto ottocentesco di Lucrezio. Roma, Pincio. (img wikipedia)
Annunci

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.