Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

Cinquantaseicozze/LV

leave a comment »


LV.

Finisco di pranzare e di sognare in fretta: il ritrarsi
del mare in tempesta ci ha portato un’enorme carogna
sfigurata – cane, felino o nutria gigante – stupiti non abbiamo saputo
distinguere. Mentre coi bagnini la isso, le fauci spalancate gl’intestini
esondanti sulla carriola, penso alla nostra sorte comune di deietti
portati qui a morire dall’onda della rabbia per un mondo
immiscibile e cieco, persino in noi. Il gonfio tumescente infiammato
mio corpo, poligonale assedio alla serenità, brucerà per mia
disposizione come questa bestia emblema che ammorba
e si fa insostenibile fumo incanalato dal vento verso la pineta. Sottraendomi
per qualche istante al nulla, vorrei urlargli negli occhi o mia carcassa
ermafrodita dov’è ora il tuo pungiglione, la scarpa cingolata dell’emarginazione
a pestarmi la guancia?
Ma il rilascio del nervo sarà sufficiente sollievo.

 

[Cinquantaseicozze – raccolta inedita a puntate]
[opera protetta da plagio mediante marcatura temporale legale – redistribuibile con Licenza CC]

Cozza prec. | Inizio | Cozza succ. (e ultima – dal 23/12/13 h. 9:00)

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

16 dicembre, 2013 a 09:00

Pubblicato su a puntate, materiale, poesia

Tagged with

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: