Cinquantaseicozze/XLI


XLI.

Ma ora partire. E in fretta. Scordarsi le nubi imperiose
che ingoiano Tino e Palmaria e presto semineranno morte, acquatici antei
a trar forza carnivora dal mare febbrile appena salutato alla spicciolata,
venti gradi di temperatura, ancora languido per me fuori trincea.
Far le valigie proprio quando irrispettoso e sommesso vorresti ricevere
i giorni di pioggia battente e quiete assoluta, come gatto sul davanzale la coda
circonflessa inalare la musica delle gocce incontrastato
balsamo alla parola che certo verrebbe, Castalia.

 

[Cinquantaseicozze – raccolta inedita a puntate]
[opera protetta da plagio mediante marcatura temporale legale – redistribuibile con Licenza CC]

Cozza prec. | Inizio | Cozza succ. (dal 16/9/13 h. 9:00)

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.