Cinquantaseicozze/XL


XL.
(Silent Sorrow In Empty Boats)

Se avessi saltato anche un solo aperitivo à la page non avresti
bisogno di girare il mondo per stupirti dinanzi a un crepuscolo: l’interludio
di mezz’ora dopo il tramonto, poi anche stasera il cielo s’infiamma, contagia lo specchio
placido dell’acqua. Il silenzio apre una crepa nel giorno; sbucando dietro le montagne
la luna tende un agguato di raggi al minuscolo battere dell’onda. Ma tutti
compiuto il mactatus del sole han già vòlto le spalle verso case infossate
nel viale interno, intrise di tenebra e muschio. Qui ora solo io, e forse la scena conosce
i miei giorni infeltriti e spinosi, avvitàti tra il bisogno
di trattenere gli attimi e l’astio di chi mi vuole lontano, decomposto
in metropolitane parvenze. Conosce, consola coll’inudibile respiro, un pianissimo
di barche da seppia che nell’ultime schegge d’arancio e di viola
arano la bonaccia arpeggiando tristezze in gialloverdi luci di via.

 

 

[Cinquantaseicozze – raccolta inedita a puntate]
[opera protetta da plagio mediante marcatura temporale legale – redistribuibile con Licenza CC]

Cozza prec. | Inizio | Cozza succ. (dal 9/9/13 h. 9:00)

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.