Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

da EAP a CTL: più stato meno contributo

leave a comment »

chavez

EAP, se te cojo… (H.C., in loving memory)

Tempo fa mi ronzava in testa una provocazione: nazionalizzare gli editori a pagamento. Alla Chávez. E vai!
Voi direte: una provocazione analoga alla Tombin Tax? Può darsi, ma io contrariamente a molti non ho mai visto quest’ultima come una provocazione bensì come un’esigenza mia personale: non si trattava di “tassare i poeti in quanto tali”, ma di versare una cifra – rimetterla in circolo in progetti artistici/ culturali – per le possibilità combinatorie che, iperproducendo poesia, faccio mie (e le possibilità combinatorie non sono infinite, prova ne è che sempre più spesso leggo passaggi identici tra loro in poeti che non si conoscono e mai si plagerebbero). Cosa che faccio regolarmente (a fine anno m’attende una stangata).

Tornando a noi, perché nazionalizzare? Perché l’istinto, la vanità di pubblicare a pagamento appare insopprimibile. Le sue radici spesse derivano dal ciceroniano trahimur omnes studio laudis e da quel bisogno di riconoscimento che, annota Hegel, è più forte di qualunque motivazione economica. Soprattutto in tempi di crisi in cui un riconoscimento nella sfera lavorativa o esistenziale è spesso precluso. Istinto violento (fatelo dire a me e a tutte le schermaglie che fronteggio ogni volta che vi accenno) che si trasforma in generose oblazioni per “pubblicazioni” cui di solito, dall’altra parte della scrivania, si dà l’assenso acriticamente, senza selezione dei contenuti, mercé il puro e semplice plusvalore che l’operazione di “stampa autorevole” comporta. E allora, se non possiamo frenarla, proviamo a cavalcare l’onda: nazionalizzando lasceremmo che i generosi extraprofitti andassero a vantaggio della collettività anziché dei soliti!

Oggi, grazie ad Alberto Cane, scopro che l’ottimo Popinga (Marco Fulvio Barozzi, in cui ci siamo già gassosamente imbattuti) avanza una proposta del tutto simile. Lui propugna Case di Tolleranza Letteraria (CTL) finanziate dai fruitori coi loro consumi-sfoghi-impellenze, cui verrebbe data assistenza professionale e qualificata. Per esempio con un marchio editoriale nazionale, una sorta di Istituto Truce che stampasse le opere poetiche prive di editore vero e proprio, dietro versamento allo Stato.
È ovvio che l’effetto sarebbe non solo identico alla nazionalizzazione tout court degli EAP già esistenti, ma in più meno scandaloso in un paese in cui si grida ai comunisti a ogni piè sospinto. Anzi il nonno che pensa ancora con un sospiro al duzze e ai “vecchi casini, frutto di un’era antica” sarebbe pure contento.
Effetto identico, dicevo. Infatti creare un soggetto pubblico che soddisfacesse la vanità letteraria permetterebbe di praticare un prezzo che porrebbe gli EAP fuori dal mercato, non potendolo pareggiare. E anche in questo caso si potrebbero dedicare con apposito vincolo normativo le risorse percepite al soddisfacimento di interessi pubblici (dalla lotta alla povertà ai programmi di ripopolamento delle foreste travolte da editoria cartacea inutile).
Bravo Popinga y hasta siempre!

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

18 luglio, 2013 a 17:46

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: