Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

Contro (misure a) la spavalderia/I

leave a comment »

Nel giro di pochi giorni abbiamo assistito al lancio di due iniziative, come dire, molto baldanzose e self confident. Della prima parlo qui e ora, della seconda tratterò la prossima settimana, o quella dopo ancora, perché merita una prova d’appello quando non la Cassazione.

bookdetector

il logo di BD (da twitter)

Proprio il giorno del mio compleanno è stato lanciato il portale Bookdetector , nato da un’idea di Alessandro Bertante e Giuseppe Genna. Cos’è BD (abbreviamo)? Ci abboniamo al suo twitter e leggiamo, appunto, parole perentorie (spero condite con un filo di autoironia, ma coi milanesi non si è mai sicuri): il più bel sito di recensioni che l’Italia ricordi (31.12); non esiste nulla di comparabile in Italia (30.01). Ciò che più mi colpisce, nella twitter-descrizione si parla di recensioni che non guardano in faccia a nessuno; e per tutto il flusso è uno scialo di aggettivi cólto, indipendente, informativo, orientativo, di alto livello etc.
Va be’: può essere strategia social. Andiamo al nocciolo.
BD è popolato di buone penne, con buon cv e in molti casi anche buona fotogenia, il che non guasta. L’unica che da tempo incrocio e seguo in rete è Francesca Genti, tra l’altro una delle firme più presenti, assieme a Stefano Raimondi e Marilena Renda, nella sezione critica Poesia e altre scritture – sezione a cui restringo la mia analisi.
Il punto è che per ora non appaiono critiche negative. Recensioni di poesia tutte positive, talora con note d’entusiasmo (Raimondi; più distaccate e per questo preferibili mi sembrano invece quelle di Renda). Evidente anche solo a una prima lettura che almeno in questa sezione (in altre ho intravisto la “stroncatura” (sic) di un libro della Giménez-Bartlett, ma è un bersaglio facile e distante) si voglia consigliare, proporre solo il grano e omettere il loglio, seppellire per scelta la matita rossa-blu.
Opzione legittima e fors’anche conveniente, specie in un ambiente autoreferenziale e neanche troppo sottilmente vendicativo come quello poetico.
Però, andando di conserva col bell’intervento di Davide Castiglione su cui ci siamo soffermati poco tempo fa, la sensazione è che manchi qualcosa, segnatamente il “terzo pilastro”: qualche recensione sfavorevole, o anche un elenco di libri “non giudicati meritevoli di trattazione”, aiuterebbero a sgombrare il campo dal solito sentore conventicolare. Perché purtroppo gli appigli argomentativi, guardando bene, ci sono: 1) alcuni recensori lavorano per alcuni editori: parleranno mai male di un libro edito dal loro datore di lavoro? 2) è presente una recensione a firma A di un libro di poesie del recensore B… ne parlerà male?
Occorrerebbe dunque vivificare per ignem la citata autoaffermazione d’indipendenza.

...E tu Corsi che farai in proposito? anche il tuo sito è privo al momento di recensioni sfavorevoli.
Bene, proprio occupandomi del manifesto di Castiglione avevo promesso di rimediare: lo farò, con delicatezza e motivazioni opportune, non spinto da furia compensativa. In più aggiungerò a brevissimo un’altra, secondo me assai rara, dimensione “passiva”: non sottacere le critiche negative che ogni tanto vengono portate ai miei testi. In particolare rispolvererò una lettera impietosa (ma indirizzata privatamente) pervenutami anni fa riguardo L’indegnità; per il resto potete già, partendo dalla sezione Dicono e seguendone i link, leggere qualche lapidario commento negativo su alcune specifiche pagine esterne di download, tipo All’orza o Prometeo; non perdetevi in particolare, in quest’ultima, il siparietto dello stroncatore e della moderazione wordpress).
Tutto ciò proprio per far capire sulla mia pelle che ogni tipo di feedback, attivo e passivo, purché non si oltrepassino i limiti dell’educazione, va implementato e tenuto in considerazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: