Cinquantaseicozze/II


II.

In questa pattumiera costiera d’alto bordo – dimora obbligata,
riparo alla calura per polli atteggiàti, batteria elioterapica,
smottamento agostano per chilometri cento del piazzone
cittadino: Firenze-[a]-Mare – qui nascono muoiono rondini
in gran numero. Ho spesso consegnato alla pazienza del prato
le minuscole rese, eiétte dal nido da becchi di Medea,
cruda prassi per liberare spazio. Così anno dopo anno i corpi trascorsi in erba
esorbitante, poltiglia pervia alle radici, mi confortano nei giorni
polifonici di pioggia spinosa; saperli accanto, un tempo malcerti, ora eterni
quanto il pianeta, imponenti di silenzio, rimanda alla scarna dolcezza della morte
prima che la ornassimo di angosciose affrancature o c’incrostassimo attorno
la bava del branco, del vuoto d’orizzonti… Ma sorte santini e autentico
male di permanenza straziano il nervo e non c’è logos né mano
d’acquaragia che sveli le cornee di chi resta.

 

[Cinquantaseicozze – raccolta inedita a puntate]
[opera protetta da plagio mediante marcatura temporale legale – redistribuibile con Licenza CC]

Cozza prec. (inizio) | Cozza succ. (dal 17/12/12)

Annunci

3 commenti

  1. Ciao Roberto,

    molto bella anche questa tua seconda “puntata”; ho il permesso di pubblicarla sulla mia pagina di FB, ovviamente citando l’autore? A quando la terza puntata? Ad majora comunque! Cinzia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.