Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

un “Kleiber in poesia”: leggendo gli Esercizi vecchi e nuovi di Giovanna Bemporad

with one comment

bemporad

(Clicca per ordinare il libro su ibs)

Dico subito che l’importanza storica del libro è straordinaria: troppo oblio si era creato intorno all’opera creativa di una delle più eminenti letterate e poetesse del novecento italiano. In particolare quell’amalgama di poesie originali e corpose traduzioni (dai testi sacri indiani fino ai moderni lirici tedeschi, passando per la classicità) che erano appunto gli “Esercizi”, dati alle stampe prima nel 1948 poi nel 1980, era confinato alle biblioteche, eccezion fatta per un’edizione delle sole poesie originali, uscita nel 2010 ma a tiratura limitatissima – praticamente una forma di cadeau per gli amici più cari.
Ora Luca Sossella e la curatrice Valentina Russi hanno convinto Bemporad a un nuovo imprimatur dell’opera poetica, presentandola appunto senza il corpus delle traduzioni, con in più alcune poesie degli ultimi anni. Ed esortandola a vincere la sua ritrosia, derivante da una concezione – con cui mi ritrovo abbastanza d’accordo, pur dovendo giocoforza pretermetterla a ogni nuova uscita – dello sforzo poetico come costante labor limae e della poesia come prova mai del tutto perfecta, sempre aperta a innumerevoli revisioni.

Le centoventi pagine del volume ci consegnano una poesia quasi completamente incardinata nell’endecasillabo. Del resto la ricerca della musicalità è forse il fulcro della poesia di Bemporad, dote cui avevamo già accennato guardando alcuni video della vecchia trasmissione “Poeti in gara” (vedi, qui, il secondo) e definendola inter amicos una sorta di “Kleiber poetico”. La padronanza ritmica, la gestualità “direttoriale” e quasi plasmante forma dal vuoto, la scelta della declamazione in luogo della lettura costituiscono la piena forza carismatica di Giovanna Bemporad e fatalmente, di fronte al libro, danno un senso d’orfanezza: in pochi altri poeti la lettura da parte dell’Autore appare così necessaria al testo stesso, che si atteggia quasi a partitura.
Il silenzio e l’attenzione critica svelano qualche ridondanza (es. la ripetizione di lemmi e immagini), un omaggio o dedica in certi casi “siamese” come nella Variazione su un tasto obbligato di p.16 – tasto evidentemente montaliano: “Non domare, implacabile, il mio riso/ mentre il fiore del melo incanutisce;/ non recidermi il filo dei pensieri/ (…)”; stesso dicasi per un senso di autentica comunione tematica e di stilemi, e prima ancora empatica, coi lirici greci (e con Leopardi, a sua volta adoratore degli antichi) che attraversa tutta la raccolta: principalmente la morte, la giovinezza trascorsa, lo struggersi per l’amata (una microsezione è chiamata “Saffiche”). Queste caratteristiche intimano al lettore di non sganciarsi mai del tutto, nel valutare le liriche, dal loro carattere di esercizi/ riflessione su materiale precostituito, dalla presenza – qui invisibile ma tangibile – di una massiccia opera di traduzione o confronto al loro fianco.
Pure, la portata di alcune poesie è notevolissima, e mi fa piacere riscontrare come le mie preferite si trovino tra le più tarde, a testimonianza che la tensione qualitativa, costante nella raccolta, non è decaduta col tempo.
Un libro quindi necessario ma problematico, problematico ma necessario.

Le mie due poesie preferite (L’ossessione – Alla primavera), con le quali vi auguro un sereno 2012.

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

30 dicembre, 2011 a 12:46

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Un bel regalo di fine d’anno questo di Roberto , con due testi che rivalutano ampiamente l’autoreferenzialità , troppo spesso demonizzata e confinata nel vano e nell’effimero dell'”esercizio poetico” . Qui , come vediamo , è il linguaggio che connota e riscatta l’opzione solipsistica , eludendo qualsiasi pregiudiziale o riserva mentale . Le risorse espressive della Bemporad , capitalizzate dalla proprietà formale che gli riconosciamo , credo l’autorizzino a pronunciare il suo “io” sine die ; per chi ama la poesia tout court.

    Auguri a tutti !
    leopoldo –

    Mi piace

    leopoldo attolico

    30 dicembre, 2011 at 18:37


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: