Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

che MEN mi graverà com’più m’attempo: La realtà sofferta del comico di Leopoldo Attolico

with 2 comments

Leopoldo Attolico, La realtà sofferta del comico, 2010, Aìsara

Dovessi rappresentare la scrittura di Leopoldo Attolico sceglierei la ricetta di un cocktail: due parti di Vito Riviello, maestro della poesia comica; una parte dell’ultimo Saramago, quello che sul divano della Dandini ci ha fatto pensare che più si diventa vecchi (absit aetas Attolico) più si diventa liberi, e più si diventa liberi più si diventa radicali. Ecco allora che la lettura della sua ultima raccolta, La realtà sofferta del comico, edita da Aìsara, diventa una metalettura perché al di là del suo contenuto costringe il presunto recensore a confrontarsi, emozionalmente direi, coi singoli ingredienti, andandoli a cercare nella cambusa sociale e personale. Ove vengono tenuti ben nascosti, questo è il punto.
Comico non è solo non prendere e/o prendersi sul serio. Ma è prendere per i capelli il serio mostrandone la ridicolaggine. Di più, il comico è attiguo alla realtà perché quant’altri mai sa svelarne l’imperfezione. E proprio l’imperfezione, nell’apertura di p. 9, è il fulcro della poesia stessa:

Bella pretesa una poesia senza errori/ una poesia perfetta/ Non è così che si fa/ – quando è proprio la lieve imperfezione/ che cresce su se stessa/ a fare dell’ape e delle sue cellette/ l’unica chance d’amore sufficiente/ il redde rationem che ti salva dalla tangente (…)

Eppure dove sono i Palazzeschi, i Riviello di oggi? E se esistono perché non sono in prima fila? Il serio ha vinto. Ha vinto – come scrive nella postfazione Gio Ferri – in poesia, complice a mio avviso un principio di adeguatezza (mi autocito, ma anch’io scrivevo con una punta d’ironia: “se uno è felice pensa ad accumulare amplessi, mica versi”). E ha vinto nella società perché la competizione non ha pietà per qualsivoglia distrazione, mancata ostentazione, o peggio confessione. Dunque per ogni involontaria o studiata imperfezione. Persino la legittimazione alla (sedicente) comicità procede per gran parte sulla base del modello plutocratico “barzelletta del capo”.
Ecco che la realtà di chi vede in controluce la realtà stessa è giocoforza sofferta, almeno in parte. Il dialogo è impervio (p. 80):

(…) quindi, ti prego/ non parlarmi addosso a perpendicolo/ mi dai una strana sensazione di soffocamento:/ come le bollicine di spumante/ orfane del tappo/ rimandate indietro da un dito sentenzioso/ che alla poesia del gioco ha posto il veto/ d’una filosofia seriosa ad alzo zero/ cocciutamente contraria allo scoppio!

Ma la libertà permette di uscire da questo stallo. In ultima analisi ironia e autoironia consentono di misurare la propria libertà.
Attolico ha molta libertà e la dimostra copiosamente. In particolare quando scrive dell’ambiente poetico, nitidamente suddiviso mediante il tasto shift in buoni e cattivi, ma soprattutto popolato da schiere di ignavi che corrono dietro alla bandiera dell’atteggiamento en vogue.
In generale la sua poetica, affinata da una venticinquennale militanza, si esprime con uno strumentario variegato, che va dalla fulminante parodia ungarettiana o dannunziana (p.38)

Azotemia/ glicemia/ pessimi umori…/ Aaah! Perché non son’io/ co’ miei pastori?

al ritratto sardonico, nel caso di p.32 puntato verso uno dei totem del serio, lo stiloso:

Ultraimpeccabile/ indefettibile/ solo con la cravatta/ ti senti bene/ senza cravatta ti senti male/ molto permale/ qualcosa meno di nullità// Che gran guaio emozionale/ la tua crisi d’identità/ quando arriverà la sprezzatura/ notturna del pigiama/ e il tuo stile sarà un pesce d’aprile/ insostenibile/ ineludibile/ roso dal dubbio/ di correità…

Non tutto mi piace del libro, la necessità di pescare sempre copiosamente nel sacco dell’effervescenza porta talora ad avvitamenti o legnosità. Spesso peraltro dettate da una sempre meno controllabile indignazione almeno in chi, come l’Autore e lo scrivente, vede nel “passerottino nazionale” piuttosto un uselin de la comare o, toscaneggiando, un uccello padulo (che vola all’altezza di cosa vi lascio dedurre).
Alcuni potranno essere urtati da un certo animus derelinquendi verso la metrica, anche se non faranno a meno di notare le rispondenze rimarie ubique nella raccolta, nonché l’uso del quinario (singolo o doppio, talora sdrucciolo) nell’Indovinello interminabile di p.64.
Spicca invece per delicatezza e pregiata fattura un pugno di poesie sparse lungo il libro, a formare un fil rouge in cui il poeta, dopo aver ironizzato sugli atteggiamenti modaioli, si riappacifica con la propria musa e i suoi seguaci più veri, accomunati dal febbrile e disincantato terrazzamento dell’imperfezione il cui impero apre, come abbiamo visto, la raccolta.
Come nella metafora calcistica della poesia Amore, a p. 102:

Chissà che un giorno o l’altro/ – una volta nella vita/ mi scappi, come nel football/ una poesia sporca,/ una di quelle cannonate alla viva il parroco/ a metà strada tra il tiro e il cross/ che azzeccano il sette per miracolo/ e incendiano la folla…// Cara assenza/ sfera di cuoio rovinosa/ che rimbalzi nella penna/ quando il gioco si fa duro/ e il foglio bianco è più bianco del solito,/ lascia una tantum la tua disperanza/ ad un telecomando che accenda il mondo/ sul mio unico golletto di rapina!

E senza dimenticare che si tratta di un gol della bandiera, quello del poeta, perché, come ci ricorda Attolico jr. alle pp. 58-59:

…La tua poesia convincerà il cervello/ della gente/ ma il cazzotto addormenta senza perdita di tempo/ ti pare niente?

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

7 maggio, 2011 a 16:49

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Nel ringraziare Corsi per tutta questa attenzione così bella , così partecipata , non posso non apprezzare il riferimento a Vito Riviello , mio maestro di vita e di poesia e mio fratello maggiore . Invito tutti a rintracciarlo e leggerlo/ascoltarlo su Google e sul sito di Giorgio Weiss

    Mi piace

    leopoldo attolico

    7 maggio, 2011 at 22:34

  2. Caro Roberto, la tua attenta nota critica sul lavoro di Leopoldo Attolico mi piace perché, come si nota anche in altre tue scritture, è sincera. Questa prerogativa è importante per un critico colto e preparato come te e trovo spunti per approfondimenti. Grazie per la lettura e auguri per questo tuo buon percorso nella scrittura degli altri, molto arricchente per te e per chi ti legge. Un caro saluto. Liliana

    Mi piace

    Liliana Ugolini

    8 maggio, 2011 at 07:32


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: