Roberto R. Corsi

Tempo di lettura previsto: 12 anni

autointrospezione

with 3 comments

da una mia email ad Alba Donati:
Proprio oggi leggevo di come Beckett ammonisse costantemente gli amici a «far sì che l’erudizione non soffochi l’autenticità», rischio che vedeva sempre presente per ogni scrittore.
Nel mio caso è un rischio che mi sento di correre, perché la mia erudizione (o più modestamente, e in modo a me più confacente, la mia sete di conoscenza) rappresenta il mio tratto più autentico: cerco di plasmare la mia conoscenza come se fosse una sostanza duttile all’interno della quale inserire il vissuto
.

Sono fermamente convinto della legittimità di questo approccio, contro ogni poetica “dell’emozione escludente”.
Lo difendo a spada tratta.
Esso costituisce una/la cifra della mia impopolarità.

Annunci

Written by Roberto R. Corsi

20 ottobre, 2007 a 13:15

Pubblicato su varie

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. il problema dell’erudizione, sempre benvenuta – non fraitendermi, è che a volte può mascherare l’assenza di talento, oscurandola con una serie di costruzioni che sono frutto di intelligenze e preparazione culturale ma non di personalità creativa /
    il prodotto in questo caso sarà di certo decoroso, ma ininfluente all’interno di un panoprama artistico e innovativo /
    un saluto / P

    Mi piace

    parergon

    9 novembre, 2007 at 11:46

  2. ciao, è bello ritrovarti in questi luoghi.
    Per quanto attiene specificamente alle parole di Beckett, sono dell’avviso che intendesse rivolgersi ad amici, come dici tu, “di talento”. Altrimenti non avrebbe individuato come effetto dell’erudizione un «soffocamento», bensì avrebbe parlato di essa come strumento di millantato credito.
    Potremmo parlare ore (e magari un giorno lo faremo) su concetti quali:
    – innovatività
    – panorama
    – talento

    in ultima analisi, è un problema di qualificare una possibile (o magari impossibile) oggettività del canone stilistico e del giudizio critico…

    saluti / spero tutto ok / R

    Mi piace

    Roberto Corsi

    9 novembre, 2007 at 13:50

  3. si, abbastanza ok, ma senza esagerare con l’ottimismo 🙂
    sto cambiando casa e dunque trattasi di periodo un po’ frenetico e carico di fermento / speriamo che la schiena regga / ed anche il morale /
    grazie – un saluto / P

    Mi piace

    parergon

    9 novembre, 2007 at 19:10


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: